Aumento Iva, grave danno per l’economia e l’occupazione. Va evitato

rosolen 13ott09«Non possiamo sopportare ulteriori aumenti di tasse. Le imprese chiudono non perché sono poco competitive ma perché soffocate dalle tasse, dalla stretta creditizia e dalla burocrazia».

Lo scandisce Giuliano Rosolen, direttore provinciale della CNA di Treviso, prendendo posizione sull’annunciato aumento dell’Iva dal 21 al 22% a partire dal 1º ottobre.

«L’aumento dell’Iva va scongiurato – incalza – Aumenterà i prezzi e deprimerà ulteriormente i consumi, con grave danno per l’economia e l’occupazione. Pagheranno ancora una volta le fasce meno abbienti della popolazione e chi produce reddito, ovvero le imprese, che hanno già subito la beffa dell’annunciata e poi smentita deducibilità dell’Imu a fini Irpef ed Irap».

«Spremere chi produce è un errore strategico: così l’economia non si risolleverà mai – continua Rosolen -. Bisogna avere i conti in ordine e fare sviluppo. Altrimenti il declino sarà inevitabile. Abbassare le tasse sulle imprese è prioritario per la tenuta del sistema economico e sociale».

Secondo la CNA, «non avere escluso dall’Imu capannoni, laboratori, negozi e alberghi, per quest’anno ancora equiparati alle abitazioni di lusso, è stato un grosso errore che, nella situazione attuale, rende le imprese ancora più vulnerabili. Pagheranno infatti oltre 9 miliardi con il rischio di superare la soglia del 68% di imposizione fiscale sulle imprese».

E ancora più grave, per la CNA, è stata la beffa della deducibilità del 50% dell’imposta dai redditi aziendali e del lavoro autonomo.

«Sarebbe stato un bel segnale di fiducia alle imprese, che attualmente lavorano 7 mesi per lo Stato, per pagare le tasse e tutti gli annessi e connessi, prima di cominciare a lavorare per sé. Come si può incentivare l’imprenditorialità, la voglia di intraprendere, in un contesto del genere?»

E adesso arriva anche l’aumento dell’Iva. L’ennesima mazzata.

«Diamo atto al governo di aver abolito l’Imu sull’invenduto per tentare di dare fiato ad un settore, quello immobiliare, massacrato dalla crisi, ma la ripresa passa attraverso una politica fiscale equa e una politica economica che abbia chiare le priorità, un disegno strategico che incentivi le eccellenze del Paese – aggiunge Rosolen -. Ma non vediamo nulla di tutto ciò. Capiamo le difficoltà dell’Esecutivo che lavora sotto ricatto continuo e auspichiamo che prevalga nelle forze politiche la responsabilità. Ma c’è bisogno di scelte chiare e tempestive che sostengano chi produce reddito, e non invece la rendita».

La CNA esprime grande preoccupazione anche sull’impianto della service tax e sulla riforma del catasto. «Questi provvedimenti di riordino della tassazione locale e di rivalutazione degli immobili non devono tradursi in un ulteriore appesantimento fiscale su imprese e su cittadini».


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it