Contributo Sistri, prima vittoria. Via la scadenza del 30 aprile

Le aziende non dovranno più pagare entro il 30 aprile il contributo 2012 per il Sistri. Il Ministero dell’Ambiente ha concordato un differimento al 30 novembre 2012 del termine del pagamento.

La CNA non ritiene tuttavia insufficiente questa misura, avendo già proposto la soppressione del contributo che le imprese devono pagare, tenuto conto della sostanziale inoperatività del Sistri a fronte delle quote già versate dalle imprese negli ultimi due anni per un ammontare che supera a livello nazionale i 70 milioni di euro.

«Il nostro obiettivo era non fare pagare le imprese per un servizio non ancora erogato. Era un risultato da ottenere subito e ci siamo riusciti, grazie anche alla forte mobilitazione tra i cittadini e le imprese del territorio della nostra provincia – commenta Davide Sossai, responsabile Ambiente e Sicurezza della CNA provinciale di Treviso -. Ora bisogna che il sistema venga rivisto per ottemperare all’obbiettivo giusto della tracciabilità dei rifiuti senza aggiungere oneri amministrativi alle già complesse procedure cui le imprese sono sottoposte per rispettare gli adempimenti ambientali ed in particolare quelli in materia di rifiuti».

La CNA provinciale ringrazia le centinaia di cittadini e imprenditori che hanno firmato la petizione avviata nei giorni scorsi per la soppressione del contributo. E invita le imprese a continuare a sottoscriverla perchè ora va sostenuta la battaglia più importante: quelal della riforma del sistema.

Rete Imprese Italia ha già invitato il Ministro Clini ad aprire immediatamente un confronto per istituire un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti, che risponda ai requisiti di efficienza, economicità ed efficacia, come già proposto ormai da diversi mesi al Ministero e al Governo.

 


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it