Credito, la CNA alle banche: tempi più rapidi per le deliberazioni dei prestiti

Tempi più rapidi per le deliberazioni dei prestiti e contenimento del costo complessivo del denaro. Lo chiede la Confederazione nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA) provinciale di Treviso.

«Oggi le imprese devono aspettare mediamente fino a 60 giorni perché il prestito richiesto alle banche venga deliberato – denuncia Alfonso Lorenzetto, presidente Confidi CNA -. È un tempo troppo lungo dal momento che molte aziende hanno bisogno di liquidità immediata per pagare fornitori e dipendenti. Il 2010 sarà un anno ancora più difficile del 2009 e rendere più agevole l’accesso al credito significa mettere le basi per la ripresa dell’economia locale e per sviluppo futuro del nostro territorio».

“Canova”, il consorzio fidi della CNA, nel 2009 ha deliberato prestiti per 38.158.706 euro, con un incremento del 29,39% rispetto al 2008. Prestiti che il Consorzio ha garantito al 50%. Tale operatività è stata resa possibile dagli accordi stipulati con 12 diversi istituti di credito e con la Camera di Commercio, che hanno permesso di contenere il costo del denaro a beneficio delle imprese.

Sono stati erogati finanziamenti a 684 aziende (nel 2008 erano state 545).

La linea di credito che ha avuto un maggior incremento rispetto al 2008 è stata quella per i mutui, passata dai 7.711.000 del 2008 ai 15.870.800 euro del 2009 (+111,68%). Sono invece crollati del 15,91% (da 906.078,67 euro a 761.948 euro) i muti agevolati per investimenti in beni durevoli (impianti, attrezzature…), segno di una scarsa propensione dell’impresa a scommettere sul futuro.

«Rispetto al 2008, nel 2009 le banche hanno fatto più difficoltà a concedere prestiti alle imprese, scaricando il rischio sui consorzi fidi che invece hanno ampliato la loro disponibilità – spiega Walter Barzan, direttore Confidi CNA -. Questi primi mesi del 2010 segnano l’aumento delle situazioni di sofferenza delle imprese,  per questo chiediamo di ripristinare il plafond della Camera di Commercio anche per il 2010 e il varo di un tavolo permanente tra banche e consorzi fidi per esaminare insieme le questioni più spinose e dare il più possibile risposte alla necessità di credito delle imprese».

La CNA segnala infine uno squilibrio nell’erogazione del credito da parte delle banche: il 70% è andato al 10% delle imprese medio-grandi, mentre al 90% delle imprese sotto i 20 dipendenti è andato solo il 30% del credito. E ciò nonostante la quasi totalità delle sofferenze bancarie sia causata da imprese di medie e grandi dimensioni.


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it