Impiantistica: Italo Gardin portavoce di CNA Elettrici, Francesco Pilotto di CNA Termoidraulici

Due mestieri cardine del comparto casa hanno eletto, nei giorni scorsi, i loro portavoce e organismi direttivi.

A guidare CNA Elettrici, nei prossimi quattro anni, sarà l’ing. Italo Gardin, 55 anni, titolare della ditta Susin & C. srl di Caerano San Marco, mentre CNA Termoidraulici ha puntato sull’ing. Francesco Pilotto, 34 anni, titolare della Tecnoimpianti con sede a San Zenone degli Ezzelini. I due mestieri rappresentano, insieme, circa mille 200 imprese artigiane in provincia di Treviso.

«Uno dei tanti problemi della categoria oggi è che i grossisti non si accontentano più di vendere il materiale ma cercano di bypassare l’installatore fornendo il servizio direttamente al cliente e facendo diventare l’installatore un semplice fornitore di manodopera – la stessa cosa fanno anche grandi fornitori di energia elettrica con l’offerta di pannelli solari e /o macchine –  spiega l’ing. Italo Gardin portavoce di CNA Elettrici -. Ma c’è anche il fenomeno del cliente che va a comprare i materiali – addirittura caldaie, pompe di calore…! – direttamente nei grandi magazzini, che magari non hanno nemmeno le certificazioni per venderle, cercando poi chi gliela installa. Anche nel nostro settore, dunque, il mercato è cambiato e si è fatto più complesso, alterato da concorrenza sleale, lavoro nero e dopolavorismo. Come una ditta seria può combattere queste distorsioni? Stando al passo con i tempi e puntando su innovazione e professionalità: ad esempio proponendo al mercato impianti elettrici con soluzioni di domotica e proponendo al cliente pacchetti con la manutenzione e l’assistenza degli impianti. Gli elettricisti tirano i fili, e quindi i “neuroni” di tutti gli impianti. Dobbiamo solo essere coscienti del nostro valore».

Le sfide che ha davanti il settore della termoidraulica avranno anche importanti ricadute sociali.

«C’è il tema dell’efficienza e del risparmio energetico che ormai tocca tutti – afferma l’ing. Francesco Pilotto, portavoce di CNA Termoidraulici -. Le normative europee e italiane spingono verso il consumo zero, e chi produce e installa impianti termoidraulici ha un ruolo importantissimo in questo cambiamento, anche culturale. La tecnologia offre oggi soluzioni eccezionali sotto il profilo ambientale e del contenimento dei consumi: è una sfida che dobbiamo cogliere noi professionisti ma che deve cogliere anche il consumatore: efficientare i propri impianti domestici o industriali ha ricadute sociali importanti in termini di lotta all’inquinamento e vivibilità sociale oltre che risparmio economico ed efficienza del sistema.»

La sfida degli edifici nuovi e ristrutturati a consumo zero si può vincere solo se gli operatori e i progettisti capiscono che premia lavorare in squadra, allineati con lo stesso approccio e sullo stesso obiettivo. Un gioco di squadra che, quando funziona premia, come testimonia il progetto “Efficienza a Km0 fra operatori del settore,  associazioni di categoria, banche locali, il maggiore operatore locale nella fornitura di gas e le organizzazioni sindacali che ha come obbiettivo l’efficientamento energetico del nostro patrimonio edilizio, il risparmio di cittadini e imprese e la messa in sicurezza degli stessi edifici.


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it