La CNA accoglie l’appello di Avviso Pubblico: «Sì al patto di collaborazione tra forze istituzionali e sociali»

La CNA di Treviso condivide le proposte che il coordinamento veneto di Avviso Pubblico ha lanciato all’indomani di un altro arresto eccellente in Veneto, quello del camorrista latitante Nicola Imbriani, che si nascondeva a Brugine, in provincia di Padova.

E, soprattutto, raccoglie l’appello a sottoscrivere un patto di collaborazione tra istituzioni, mondo della politica, dell’economia, della finanza, delle professioni, dei sindacati e dell’associazionismo che “che ponga al centro l’impegno per la legalità e la lotta alle mafie, per impedire che la malapianta della criminalità organizzata si radichi nel nostro territorio dopo esservi penetrata”.

«La crisi economica ha acuito i rischi di infiltrazioni della malavita organizzata nella nostra regione e nella nostra provincia – afferma Giuliano Rosolen, direttore della CNA provinciale di Treviso -. Le difficoltà in cui versano le aziende, la mancanza di liquidità, l’accesso al credito sempre più problematico, le rendono più fragili e dunque maggiormente a rischio di cadere vittime di usura ed estorsione. Costruire un “cordone sanitario” di forze istituzionali e sociali attorno alle aziende è mettere una barriera importante alle infiltrazioni della criminalità organizzata nelle nostre comunità. La mafia opera dove c’è ricchezza ed è noto che il nostro territorio ed è uno dei più ricchi a livello nazionale ed europeo. È una mafia economica e finanziaria, potente, aggressiva, che ha fiumi di denaro da investire in un’area più disorientata e indifesa di qualche anno fa, alle prese con una radicale riconversione produttiva e lavorativa. Proprio per questo dobbiamo vegliare e impedire che il contagio mafioso si propaghi e intacchi un tessuto economico e sociale in gran parte ancora sano».

La CNA, con il suo Progetto Legalità Antiusura Antiracket, è da tempo impegnata nella promozione della cultura della legalità e nella lotta alle infiltrazioni mafiose tra i propri imprenditori e nella società trevigiana. Nel mese di maggio dello scorso anno, ha organizzato il convegno “Le mani delle mafie sull’economia”, e ora segue con attenzione i lavori in Regione per la predisposizione di un testo di legge “per prevenire e contrastare il crimine organizzato e mafioso e promuovere la cultura della legalità e della responsabilità”.

Di recente ha chiesto la costituzione di un Tavolo provinciale sul Credito e auspica il pronto avvio dell’Osservatorio provinciale Antiusura costituito presso la Prefettura di Treviso. «Le istituzioni e le forze sociali devono agire in un’ottica preventiva e muoversi senza indugi» è l’appello di Rosolen.

La CNA di Treviso accoglie infine l’invito di Avviso Pubblico a partecipare alla Giornata della Memoria dell’Impegno per ricordare le vittime di tutte le mafie promossa da Libera e Avviso Pubblico che si terrà a Padova il prossimo 21 marzo.

    Le-proposte-di-Avviso-Pubblico.doc (122 download)
 


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it