Sicurezza del lavoro, Rosolen: «Accordi pubblico-privati per incrementare i controlli» Attualmente, in provincia di Treviso, il costo degli infortuni sul lavoro è di 560 milioni di euro l’anno

Nel 2017 in provincia di Treviso ci sono stati 11.352 infortuni sul lavoro, più 420 rispetto l’anno precedente. Un incremento dovuto sicuramente anche all’aumento degli occupati e delle ore lavorate.

«L’allarme sicurezza è pertanto fondato, anche se il volume degli incidenti sul lavoro è complessivamente diminuito rispetto i valori massimi del pre-crisi  -afferma Giuliano Rosolen, direttore CNA territoriale di Treviso -.  La messa in sicurezza dei lavoratori, oltre a essere un obbligo morale e un diritto per tutti i lavoratori dipendenti e autonomi, è anche una convenienza economica. Occorre accrescere ancora di più questa consapevolezza perché le conseguenze degli infortuni sono pesanti per tutti: gravano in primis su chi li subisce e sui famigliari, ma anche sulla società e sull’azienda stessa che perde in produttività».

Attualmente in Italia accadono 38 infortuni all’anno ogni mille occupati; il dato per la provincia di Treviso è lievemente più basso.

I costi degli infortuni sul lavoro

La stima Inail del costo degli infortuni sul lavoro è di 45 miliardi di euro l’anno a livello nazionale; si stima che ogni infortunio costi in media 50 mila euro l’anno. Attualmente in provincia di Treviso il costo complessivo degli infortuni è di 560 milioni di euro l’anno. I settori più a rischio sono l’agricoltura, l’edilizia, la meccanica e i trasporti.

«Questi dati ci dicono che la prevenzione è un investimento con forti ritorni, oltre che umani, anche economici per la società: secondo uno studio fatto dall’Istat 1 euro investito in sicurezza nelle imprese genera un ritorno economico di 2,2 euro. Esiste dunque un chiaro nesso tra la competitività dell’impresa e i livelli di investimento in sicurezza e salute dei lavoratori» aggiunge Rosolen.

La ricetta CNA: prevenzione e più controlli

Secondo la CNA, per ridurre gli incidenti sul lavoro bisogna continuare nell’azione di sensibilizzazione degli imprenditori e dei lavoratori stessi. Il mondo dell’artigianato sta facendo molto in questo settore finanziando, soprattutto attraverso la bilateralità, la messa in sicurezza delle aziende attraverso in particolar modo la formazione del personale.

Occorre quindi continuare la sensibilizzazione ma allo stesso tempo potenziare l’attività di controllo.

«Gli Spisal non vanno ridimensionati ma consolidati» conclude il direttore della CNA, che lancia una proposta mettendo a disposizione l’agenzia per la sicurezza della CNA.

«L’attività ispettiva delle diverse autorità competenti può essere sostenuta dall’attività propria delle agenzie di formazione per la sicurezza del lavoro, accreditate dalla Regione, che abbiano particolari requisiti – propone Rosolen -. Una volta che queste strutture certificano che un’azienda ha in regola i documenti sulla sicurezza, è in regola con la formazione del personale, ha le attrezzature in regola – e dunque può essere considerata “congrua e coerente” con la normativa sulla sicurezza – questa azienda può uscire dagli elenchi di verifica dello Spisal e degli altri enti competenti e non necessitare più di visite ispettive. Gli enti preposti possono così concentrare le proprie attività sulle verifiche ad aziende “fuori elenco”. Con questa partnership pubblico-privato, il privato può co-adiuvare l’attività ispettiva e di controllo pubblica e rendere le verifiche più mirate.

La provincia di Treviso è già un laboratorio nazionale sulla sicurezza del lavoro, se sperimentiamo qui questo modello e vediamo che funziona potrà essere esportato altrove».


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it