Tasi, intollerabili nuovi aumenti del fisco locale sulle imprese

«Un ulteriore aumento della pressione fiscale locale sugli immobili strumentali delle imprese è intollerabile. Il fisco immobiliare è passato dai 10 miliardi dell’Ici 2011 ai 20 miliardi dell’Imu che per la maggior parte è versata da immobili produttivi, capannoni, negozi, uffici, alberghi, centri commerciali. Un peso insostenibile che crescerà ancora se verrà confermata la possibilità da parte dei Comuni di aumentare il limite superiore della tassazione TASI tra lo 0,1 e 0,8 per mille, limitatamente per l’anno 2014, e solo per finanziare detrazioni fiscali per i meno abbienti. Si potrebbe così arrivare ad una aliquota TASI+IMU massima per il 2014 del 11,4 per mille per seconde case ed immobili strumentali delle imprese. È assolutamente inaccettabile».

Giuliano Rosolen, direttore provinciale della CNA di Treviso, mette le mani avanti: non è pensabile mettere ancora le mani nelle tasche delle imprese che sono rimaste ormai in braghe di tela.
Lo 0,8 per mille aggiuntivo, infatti, potrà essere applicato indifferentemente alle prime case e agli altri immobili. Ma è evidente qual è la principale fonte di incasso per i Comuni.

«Questa mossa vanifica la bontà della mini-deduzione IMU sui redditi (30% nel 2013 e 20% dal 2014) prevista nella legge di stabilità – rincara Rosolen – e si configurerebbe come l’ennesima mazzate per le attività economiche, in particolare per le piccole. La CNA chiede da tempo l’introduzione di una misura di giustizia fiscale nel nostro ordinamento che è la progressiva ma totale abolizione delle imposte sugli immobili strumentali delle imprese, quelli cioè che concorrono alla formazione del reddito dell’impresa già abbondantemente tassato».

Un altro balzello indiretto per le imprese è il moltiplicarsi delle scadenze fiscali che, complicando gli adempimenti in gestione ai consulenti dei contribuenti, aumenta i costi per le imprese. Oltre alle due scadenze IMU fissate a livello nazionale fissate del 16 dicembre (acconto) e del 16 giugno (saldo), i Comuni potranno prevedere altre due scadenze per la TARI (ex Tares), la tariffa rifiuti, e altre due per la TASI, arrivando a sei distribuite nel corso dell’anno!


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it