Tax Free Day, il 26 luglio: CNA Castelfranco festeggia con aperitivo (gratuito)

Mercoledì 26 luglio sarà Tax Free Day, il giorno della “liberazione fiscale”. CNA Castelfranco lo festeggia con un aperitivo offerto ai “suoi” artigiani ma anche a tutti gli imprenditori, esercenti e liberi professionisti che si vogliono unire alla festa. L’appuntamento è per le 19 presso l’osteria Al Maniscalco (in via Francesco Maria Preti).

Ma cos’è il Tax Free Day?

È il primo giorno in cui chi ha un’attività in proprio cessa di lavorare per pagare le tasse (ovvero per lo Stato) e inizia a lavorare per sé e per la sua famiglia. A Castelfranco, come a Treviso, quest’anno il giorno della liberazione fiscale cade il 26 luglio.

È un giorno che varia per ciascun comune italiano per incidenza della tassazione regionale, provinciale e comunale.

I dati sono contenuti nell’indagine “Comune che vai, fisco che trovi 2017”, il rapporto annuale dell’Osservatorio permanente di CNA sulla tassazione delle PMI giunto quest’anno alla quarta edizione.

L’indagine calcola anche il Total Tax Rate, ovvero il peso del fisco sulle PMI. Quest’anno a Castelfranco è pari al 56,9% con incremento, seppur minimo, rispetto al 2016 (56,7%).

Un indice che la dice lunga sulla pressione fiscale esercitata dallo Stato italiano su chi produce.

La media italiana, tuttavia, è peggiore di quella trevigiana-castellana: il TTR nazionale medio è infatti pari al 61,2% e il giorno di liberazione fiscale a livello italiano cade il 10 agosto.
Ma vediamo cosa ci dicono in proposito Gianpaolo Stocco e Roberto Ghegin, rispettivamente presidente e direttore di CNA Castelfranco, una realtà che associa oltre 600 partite IVA, tra imprese artigiane, PMI e professionisti senza cassa.

  • Roberto Ghegin

    «La pressione fiscale in Italia è troppo elevata, se la confrontiamo con quella degli altri Paesi europei – afferma Roberto Ghegin -. Nel 2015 c’era stato un sensibile calo dovuto al riconoscimento della deducibilità completa del costo dei lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato dall’IRAP; ma il bis nel 2016 non c’è stato e non ci sarà purtroppo nemmeno quest’anno».

  • Giampaolo Stocco

    «Ma il vero problema – aggiunge Giampaolo Stocco,  socio e amministratore delegato dell’azienda metalmeccanica Stocco f.lli srl di Castello di Godego e presidente di CNA Castelfranco – risiede nella iniqua distribuzione del carico: la tassazione dei redditi prodotti dalle persone fisiche non può essere diversa a seconda della differente modalità con cui si genera reddito. È arrivato il momento di intervenire su un sistema fiscale evidentemente squilibrato per raggiungere tre obiettivi di utilità generale: ridurre la pressione fiscale garantendo, nel contempo, maggiore equità nel prelievo tra diversi redditi da lavoro; invertire sensibilmente la tendenza del trasferimento alle imprese degli oneri sui controlli e usare in modo intelligente la leva fiscale per aumentare la domanda interna».
    «E in questo calcolo – conclude Stocco –  non sono tenuti in considerazione i costi della burocrazia a cui sono obbligate le piccole e medie imprese».

 

La CNA ha elaborato, e presentato al Governo nazionale, proposte precise per ridurre e rendere equa la pressione fiscale senza oneri aggiuntivi, tra cui rendere l’Imu pagata sugli immobili strumentali delle imprese completamente deducibile dal reddito d’impresa, la revisione della tassazione Irpef delle imprese personali e degli autonomi, la neutralità fiscale delle cessioni di azienda e altre misure da poter implementare in tempi rapidi.

Tutte le proposte qui

Sono battaglie che si vincono insieme.

Ecco perché CNA Castelfranco invita tutti all’aperitivo, mercoledì 26 luglio.

 Info e prenotazioni: 0423.722109


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: treviso@cna.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it