• Per estetisti e acconciatori estensione dell’orario di apertura dalle 7 alle 22 e i festivi

    Possibilità, per chi vuole, di estensione dell’orario di lavoro dalle 7 alle 22 e di tener aperta l’attività anche nei giorni festivi, purché ciò avvenga per un periodo di tempo limitato, che potrà concludersi con la fine dell’estate ovvero non appena saranno ritirate le misure per il distanziamento sociale.

    È la richiesta che arriva da CNA Estetiste e CNA Acconciatori in vista della ormai della riapertura lunedì 18 maggio. 

    ESTENSIONI APERTURE OMOGENEE SU TUTTA LA PROVINCIA

    Una misura eccezionale, dunque, quella avanzata dalla CNA, che chiede ai Comuni trevigiani di studiare una soluzione che sia omogenea per tutta la provincia di Treviso in modo che non ci sia la possibilità di concorrenza sleale tra attività operanti in Comuni diversi, magari contermini.

    «È un’opportunità che in questo momento va data a queste categorie di artigiani che non lavorano da oltre due mesi, ma anche ai cittadini che hanno ormai urgente bisogno di avvalersi del loro servizio – afferma Mattia Panazzolo, vicedirettore di CNA territoriale di Treviso -. È importante però che ci siano regole uguale per tutti, su tutta la provincia e meglio ancora su tutta la Regione Veneto. Perciò auspichiamo un coordinamento tra i Comuni e abbiamo già avanzato alla loro rappresentanza, l’Associazione dei Comuni della Marca Trevigiana, la nostra proposta. L’estensione dell’apertura dovrà necessariamente prolungarsi per un periodo limitato di tempo, soltanto fino a che che dureranno le indicazioni di distanziamento sociale».

    L’AMMONTARE DEI RICAVI PERSI DEL SETTORE 

    A partire dal 12 marzo, il settore “servizi alla persona”, di cui fanno parte parrucchieri, barbieri, estetisti, tatuatori, massaggiatori, è stato soggetto a provvedimento di sospensione delle attività. In provincia di Treviso questi mestieri contano 2.833 imprese artigiane attive. Secondo stime CNA, i minori ricavi, calcolati sul periodo  12/03-31/05, ammonterebbero a circa 43 milioni di euro.

    La proposta di CNA di estensione dell’orario di lavoro e di giornate lavorative per un periodo limitato va dunque nella direzione di aiutare la ripartenza del settore, tenuto conto che si ipotizza che le misure obbligatorie connesse alla riapertura (prenotazioni, no compresenza, sanificazioneetc.) limiteranno all’80% il normale afflusso della clientela.

    «Gli operatori del settore benessere, così come quelli del commercio al dettaglio, hanno già dimostrato come sia possibile una riapertura antecedente al 1º giugno in piena sicurezza tramite l’adozione di protocolli di sicurezza e codici di autoregolamentazione ben definiti – continua Mattia Panazzolo – entro il 18 maggio vanno fatti riaprire. Non dobbiamo scegliere tra lavoro e salute. Le due cose ora devono andare di pari passo».

    REVISIONE NORMATIVA CHE COMPARE IL COVID-19 A UN INFORTUNIO

    La CNA di Treviso torna poi sulla richiesta di una revisione della normativa che oggi equipara il Covid-19 a un infortunio: «È indispensabile introdurre una misura legislativa che escluda la responsabilità degli imprenditori nel caso un dipendente contragga il Coronavirus – sottolinea Panazzolo -. Lo prevede la direttiva europea del 12 giugno 1989 che consente agli Stati di escludere la responsabilità dei datori di lavoro per atti dovuti a circostanze estranee, anormali, imprevedibili, eccezionali, le cui conseguenze non avrebbero potuto essere evitate nonostante tutta la diligenza possibile».

    Il rischio, per la CNA, è che le attività economiche non possano riprendere serenamente, lasciando artigiani e imprenditori nello stato di incertezza giuridica creato dal riconoscimento del contagio come infortunio sul lavoro anche per ambienti di lavoro non sanitari in base all’articolo 42 del Dl 18/20 Cura Italia. «Nessuno, infatti, può essere chiamato – aggiunge Panazzolo – a rispondere di un rischio generico di salute del quale non può controllare la fonte. Gli imprenditori già fanno e faranno di tutto per limitare il contagio, ma il quadro giuridico è inadatto, purtroppo, alla pandemia».

     

  • 13/05/2020 – Benessere e Sanità


    Per estetisti e acconciatori estensione…
    Possibilità, per chi vuole, di estensione dell’orario di lavoro dalle 7 alle…


     

    29/04/2020 – Benessere e Sanità


    La storia di Moira, acconciatrice, tra la lettera…
    Come ad altre sue colleghe di tutta Italia, “l’imprenditrice della…


     

    27/03/2020 – Benessere e Sanità


    Autocertificazione, cambia ancora il modulo
    Cambia ancora il modulo per l’autocertificazione.
    Il 24 marzo il Consiglio dei…


     

    25/03/2020 – Benessere e Sanità


    Covid-19, le attività produttive aperte -…
    Emergenza Covid-19: il Governo, con il DPCM firmato domenica 22 marzo 2020, ha…


     

    25/03/2020 – Benessere e Sanità


    Semplificazioni e agevolazioni per la produzione…
     
    La situazione di emergenza che il Paese sta vivendo ha fatto emergere…


     

    24/03/2020 – Benessere e Sanità


    DPCM sospensione attività: alcuni chiarimenti…
    A seguito della pubblicazione in G.U. del DPCM del 22 marzo 2020 abbiamo…


     

    24/03/2020 – Benessere e Sanità


    Covid-19, il nuovo modulo per l’autocertificazione
    Coronavirus, cambia ancora il modulo dell’autocertificazione per…


     

    22/03/2020 – Benessere e Sanità


    Sospensione attività, la CNA chiede 48 ore di…
    «Per la salvaguardia della salute dei cittadini devono essere adottate tutte…


     

    18/03/2020 – Benessere e Sanità


    Covid-19, SANI.IN.VENETO estende le tutele. C’è…
    Lunedì 16 marzo, il Consiglio di Amministrazione del Fondo Sani.In.Veneto ha…


     

    14/03/2020 – Benessere e Sanità


    Accordo per la sicurezza nei luoghi di lavoro
    CNA insieme alle altre organizzazioni datoriali ha sottoscritto, con i…


     

     


ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: info@cnatreviso.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it