• Gli artigiani faticano a trovare personale. Le aziende si raccontano

    Il Superbonus 110% sta dando propulsione al comparto casa, con le ditte dell’edilizia e dell’impiantistica del mondo artigiano che si trovano “piene di lavoro”, ma con grande difficoltà a reperire personale, soprattutto giovane.

    Il fenomeno non è nuovo, però oggi colpisce di più, a fronte di una disoccupazione giovanile salita, nell’ultimo anno, al 31,6% tra i ragazzi dai 15 ai 24 anni.

    Le cause del mancato incontro tra imprese delle settore casa (ma non solo) e manodopera sono molteplici e, parlando con gli artigiani, emergono con chiarezza.

    Essi puntano il dito contro:

    • un immaginario che per decenni ha svalutato il lavoro manuale, creando una dicotomia tra lavoro intellettuale e manuale che non è mai esistita nella realtà: ci vuole testa, e molta, per fare l’artigiano!,
    • la burocratizzazione del lavoro che sta uccidendo entrambi, il lavoro e l’impresa, e le persone che li animano.

    Gli imprenditori artigiani, oggi, quando trovano qualcuno da assumere che abbia le caratteristiche e la voglia di imparare il mestiere, fanno festa.

    La piccola impresa, specialmente dell’edilizia e dell’impiantistica, ma anche di tanti settori della manifattura, offre mestieri e routine produttive ancora contrassegnate da ritmi umani, creatività, libertà, relazione. Beni di un certo pregio in un mondo del lavoro contrassegnato, nei settori più industrializzati, da standardizzazione, spersonalizzazione, alienazione.

    Il direttore Panazzolo: «Artigianato, grande opportunità per i nostri giovani»  

    «Il mondo dell’artigianato rappresenta una grandissima opportunità per i giovani del nostro territorio – afferma Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso -: c’è la possibilità di imparare un mestiere che darà anche la possibilità, se uno se la sente, di mettersi in proprio, di creare un’impresa. Serve valorizzare di più le scuole professionali che negli ultimi decenni sono state svilite e considerate di serie b. In Germania, che è il primo paese manifatturiero d’Europa, le scuole professionali sono un’ottima, prestigiosa alternativa per chi non fa il liceo. E così deve tornare ad essere anche da noi per riallineare domanda e offerta di lavoro, non creare nei giovani false aspettative e illusioni, risparmiare loro la frustrazione della disoccupazione e di non potersi costruire un futuro».   

     

    Ecco l’esperienza di alcuni nostri imprenditori.

    Ing. Luca Frare, titolare
    di Idrotermica Frare di Fontanelle

    «Il problema non è di oggi anche se forse si è reso più evidente a seguito della pandemia. Non riusciamo a trovare giovani che abbiano voglia di imparare un mestiere o figure già formate. A ottobre, dopo una ricerca di sei anni, sono finalmente riuscito a trovare e assumere un ragazzo di vent’anni appena uscito da una scuola di idraulica: è stato un colpo di fortuna. L’abbiamo inquadrato come apprendista ed è ora affiancato da un capo squadra che gli sta insegnando il mestiere; lui si impegna e mi pare soddisfatto, e io pure. Il nostro mercato sta andando bene, ho il sentore che ci sarà parecchio lavoro nei prossimi anni. Adesso stiamo cercando una figura con esperienza». 

    È la testimonianza di Luca Frare, 39 anni, ingegnere gestionale, titolare di Idrotermica Frare, storica ditta termoidraulica di Fontanelle che dà lavoro a nove persone. L’artigiano ha maturato un’idea precisa delle cause del dis-incontro tra piccola impresa e giovani.

    «Il nostro è un lavoro particolare, che richiede anche un certo impegno fisico e ho riscontrato che molti giovani non sono disposti a fare fatica, preferendo il lavoro di ufficio – racconta -. C’è poi un’altra questione, che riguarda l’educazione e le aspettative di cui vengono caricati i ragazzi: spesso i genitori, che vogliono il massimo per i propri figli, li forzano ad andare all’università a formarsi per una professione, con l’idea che così non dovranno fare la vita di fatica e sacrifici che hanno fatto loro, sporcandosi le mani. Anche io sono laureato però ho sempre riconosciuto dignità al lavoro che faceva mio padre e gli sono subentrato in azienda: a me il cantiere piace».

    Frare è convinto che anche le ditte artigiane debbano fare un salto di qualità e diventare più attrattive. «Gli stipendi di chi lavora nel nostro settore sono buoni – ragiona – ma all’inizio un neo assunto prende meno che in fabbrica. Quindi molti giovani sono tentati dalla fabbrica, non facendo una valutazione a lungo termine. Dobbiamo riuscire a far percepire loro il valore del fatto che imparare un mestiere è diverso che essere una rotella intercambiabile di un ingranaggio. E motivarli non solo trasmettendo la nostra passione ma anche incentivandoli sotto il profilo economico. Da noi, ad esempio, gli straordinari vengono pagati anche agli apprendisti, come è giusto che sia, ma so che non in tutte le realtà è così perché l’imprenditore considera che il ragazzo è “a scuola”, cosa che del resto è vera. Insomma, bisogna trovare il giusto compromesso».

     

    Cristina Zanellato, co-titolare di C.E.M. Costruzioni Edili Montello
    di Franco Zanellato e C. sas di Volpago del Montello

    «Non si trovano giovani, in particolare italiani, che cercano lavoro presso il settore edile o manifatturiero. L’idea che mi sono fatta è che il nostro mestiere sia ritenuto poco dignitoso e troppo faticoso. Eppure dà soddisfazione, è redditizio, a fronte, com’è normale, di sacrificio».

    Lo afferma Cristina Zanellato, co-titolare di C.E.M. Costruzioni Edili Montello, fondata dal papà Franco e che gestisce ora assieme al padre e a fratello Danilo. È un’impresa edile storica, con sede a Venegazzù, che  compirà a breve 50 anni e dà lavoro oggi a cinque persone.

    Dopo una lunga ricerca, dieci giorni fa ha assunto due nuove figure: un cittadino straniero di 37 anni, proveniente dal settore dell’edilizia, e un giovane stagista, stufo di stare con le mani in mano dopo che il suo settore, la ristorazione, in questo periodo di chiusure forzate non offre più opportunità. Ora li stanno formando sulla sicurezza.

    «Era un anno e mezzo che stavamo cercando e finalmente abbiamo trovato – racconta Zanellato –, è stata una lunga ricerca, non semplice. Se trovare personale è difficile, trovarlo già formato è un’utopia. Grazie al 110% ora siamo pieni di lavoro e le maestranze servono. Io spero che tolgano al più presto il blocco dei licenziamenti che sta ingessando il mercato, e che i ragazzi si diano da fare».

    Sulle ragioni della penuria di giovani che cercano nel suo settore, Cristina Zanellato si è fatta un’idea. «I figli di noi artigiani vedono i genitori che lavorano tante ore al giorno e devono far fronte alle sfide e alle responsabilità che richiede la gestione di un’impresa, quindi cercano altre strade, finendo magari in settori in cui sono costretti a lavorare gratis per anni – spiega -. I nostri invece sono lavori ben remunerati, non ripetitivi, con il pregio di poter lavorare all’aria aperta, di imparare sempre cose nuove e, soprattutto, non si è numeri ma si è valorizzati come persone. Certo serve voglia di imparare, fare fatica, mettersi in gioco».

    Una delle cause dell’allontanamento dei giovani dai lavori artigiani è la burocratizzazione del lavoro. «Appena ho compiuto 14 anni, mio padre mi ha fatto il libretto del lavoro e sono andata in cantiere – racconta Zanellato -. Oggi non puoi farli accedere al cantiere fino al compimento del 16º anno di età e, quando entrano, non possono praticamente fare nulla per non rischiare di farsi male. Come fanno a imparare e a innamorarsi di un mestiere se non lo possono provare? Studiare è importante ma allo studio va affiancato il lavoro perché intelligenza e manualità si sviluppano di pari passo».  

     

    Ing. Francesco Pilotto, titolare
    di Tecnoimpianti di San Zenone degli Ezzelini

    «Lavoro ce n’è, siamo strapieni e non riusciamo a starci dietro ma trovare personale è una fatica. Poi naturalmente bisognerà vedere se tutti i preventivi che abbiamo fatto andranno in porto. Intanto noi stiamo cercando due figure: un giovane e un manutentore idraulico».

    È la testimonianza dell’ing. Francesco Pilotto il quale, seguendo la strada del padre Tullio, oggi è titolare di Tecnoimpianti, ditta di San Zenone degli Ezzelini, che oggi dà lavoro a quattro persone.

    «Trovare personale in questi anni è stato sempre molto difficile – racconta Pilotto – ora a giugno dovrebbe uscire dal CFP di Fonte un giovane che ha fatto uno stage da noi per due anni consecutivi e siamo pronti ad assumerlo perché ci siamo trovati bene. Poi cerchiamo una figura con più esperienza».

    Il disallineamento tra offerta e domanda, Pilotto lo spiega così: «A noi serve manodopera qualificata, che abbia delle competenze tecniche, non solo manuali, perché gli impianti sono e saranno sempre più complessi – spiega -. Non tutti i ragazzi che escono dai centri o dalle scuole professionali hanno le competenze minime per poter fare questo lavoro. L’ideale per noi sarebbe avere diplomati Itis che abbiano però voglia di fare lavori manuali. Ma chi è diventato perito ambisce a lavorare in ufficio, non in cantiere. Dobbiamo capire però che basta un tecnico per tre figure di cantiere, non viceversa».

     

    Cristian Bonetto, titolare
    di Impresa Edile Bonetto Cristian di Montebelluna

    «Una ventina di giorni fa avevo assunto un giovane di 35 anni: ha lavorato da me un giorno e un’ora e poi si è licenziato perché il lavoro di cantiere era troppo faticoso. Ma a noi costa soldi assumere una persona che se ne va dopo un giorno di lavoro…. Nel nostro settore è faticoso trovare personale. Adesso stiamo cercando altri muratori perché abbiamo commesse importanti in diverse parti di Italia, siamo una ditta certificata».

    Lo racconta Cristian Bonetto, imprenditore edile di Montebelluna, titolare dell’Impresa Edile Bonetto Cristian, che dà lavoro a sei persone che a breve diventeranno sette dal momento che il 3 maggio sarà assunto un giovane italiano di vent’anni. Una rarità.

    «È un ragazzo diplomato al liceo scientifico che non desidera andare avanti con gli studi pesando inutilmente sulla famiglia – racconta Bonetto -: l’abbiamo trovato, dopo 5 mesi di ricerche, perché conosceva mia figlia. Un anno fa invece, dopo tanta ricerca, abbiamo assunto un ragazzo kosovaro di vent’anni, che ha voglia di lavorare e imparare e siamo molto contenti».

    Cristian Bonetto nasce in una famiglia di falegnami ma non continua il lavoro del padre perché si innamora del mattone. Per undici anni va “sotto padrone” e impara il mestiere del muratore, poi si mette in proprio e diventa impresario.

    «Se vai in fabbrica sei un numero, nel nostro lavoro impari un mestiere, realizzi qualcosa e puoi anche metterti in proprio, come ho fatto io. – racconta Bonetto -. I soldi sono importanti ma non sono tutto, a me dà soddisfazione poter guardare quello che ho fatto: una fognatura, una casa… Quando passo la vedo e posso dire: “Quella cosa lì l’ho fatta io” ed è una bella soddisfazione».    

    Anche lui, come i suoi colleghi, si è fatto un’idea del perché sia così difficile trovare giovani che vogliano imparare un mestiere artigiano. «Perché tutti vanno a scuola – sospira – e vogliono diventare professori,  dottori, ingegneri… Io non ero portato per lo studio ma una posizione sociale me la sono costruita lo stesso con il mio lavoro. Le mie figlie? Una è a Trieste che fa medicina, l’altra sta ancora studiando alle superiori e vediamo cosa vorrà fare…».

     

    Lewis Cavarzan, titolare
    di Calzaturificio 4C di Montebelluna

    Non solo il settore delle costruzioni soffre della fatica di trovare personale, ma tutta la manifattura. Ce lo racconta Lewis Cavarzan, titolare del Calzaturificio 4C di Montebelluna, che dà lavoro a una decina di persone.

    Faticano a trovare soprattutto addetti alla premonta, il macchinario di precisione che monta la punta delle scarpe.

    «È un lavoro di precisione che richiede attenzione, esperienza, colpo d’occhio – racconta – e facciamo fatica a trovare giovani disposti a imparare. Ci sono svariate ditte nel nostro settore che stanno cercando questa figura di operaio specializzato. Idem per l’applicazione della suola che viene fatta manualmente. Non sono lavori difficili e sono anche molto ben retribuiti perché sono tra i lavori più importanti nella lavorazione della scarpa. Ci vuole, questo sì, attenzione e precisione. I ragazzi provano e poi si ritirano perchè, da quello che ho potuto capire, non sono disposti a prendere delle normali responsabilità, che sono simili a quelle che si hanno nella vita, nel creare e sostenere la propria famiglia».

    Secondo Cavarzan c’è un disallineamento tra aspettative personali e quello che il mondo del lavoro può effettivamente offrire.

    «Sognano tutti magari di fare il magazziniere, lavoro d’ufficio o modellista, che sono sicuramente  lavori di impegno, attenzione e studio – dice – ma questi lavori in una ditta per  quanti possono essere? Sono figure oltretutto per le quali c’è un turn-over minore. Credo che serva un cambio di mentalità e avere più coraggio. Serve un aiuto alle famiglie e alle scuole nella rivalutazione dell’importanza del lavoro manuale, che non è meno dignitoso di quello “intellettuale” (sovvenzionare e organizzare meglio l’alternanza scuola-lavoro) e serve un aiuto alle aziende nei i costi per inserire e specializzare il personale. È altrettanto vero che il lavoro manuale può essere più usurante e quindi c’è da riconsiderare l’età pensionabile».

  • 27/04/2021 – Casa e Abitare


    Gli artigiani faticano a trovare personale. Le…
    Il Superbonus 110% sta dando propulsione al comparto casa, con le ditte…


     

    10/02/2021 – Casa e Abitare


    Nuovo Superbonus 110%: criticità e casi pratici
    Si tratterà il complesso argomento della detrazione del 110% con un taglio…


     

    30/11/2020 – Casa e Abitare


    Corso Obiettivo Superbonus 110%
    DESCRIZIONE
    Corso di formazione di 8 ore che si propone di approfondire il…


     

    19/10/2020 – Casa e Abitare


    Posatore di serramenti: corso on-line per…
     Corso di 16 ore di formazione online con rilascio attestato di partecipazione…


     

    19/10/2020 – Casa e Abitare


    Superbonus 110%: formazione per imprese del…
    CNA territoriale di Treviso promuove un corso di formazione incentrato sul…


     

    19/10/2020 – Casa e Abitare


    Superbonus 110%: è nata TFECO110, la Task Force…
    Superbonus 110%: è nata TFECO110, la Task Force di CNA per offrire massima…


     

    15/10/2020 – Casa e Abitare


    CNA Oderzo apre lo sportello Superbonus 110%
    Superbonus 110: la CNA di Oderzo ha aperto lo sportello che offre un servizio…


     

    20/09/2020 – Casa e Abitare


    Superbonus 110%: normativa e istruzioni per l’uso
    CNA Montebelluna, con il sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno…


     

    07/09/2020 – Casa e Abitare


    La banca dati F-GAS: funzionamento, obblighi e…
    Gas fluorurati a effetto serra: obiettivo emissioni zero, attraverso il lavoro…


     

    04/08/2020 – Casa e Abitare


    Superbonus 110%, Panazzolo: «Interesse…
    Sono già oltre 300 gli iscritti, tra partecipanti in presenza e soprattutto…


     

     


ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: info@cnatreviso.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it