Ha successo chi sa comunicare. Laboratorio il 19 maggio ad Asolo

L’imprenditore di successo? È colui che sa comunicare. Ma cosa significa saper comunicare? «Né parlare bene né convincere ma creare relazioni». Lo spiegherà agli imprenditori Alessandro Annunziata, sociologo e counselor in programmazione Neuro Linguistica e Sistemica, che sabato 19 maggio, ad Asolo, condurrà il laboratorio “A scuola di comunicazione. Tecniche e strategie per stabilire relazioni efficaci” nell’ambito di Trust Your Brain, il ciclo di incontri di auto miglioramento promosso dalla CNA di Asolo.

Prof. Annunziata, perché comunicare bene è fondamentale nella vita come nel business?

«La comunicazione è il nodo fondamentale di tutte le relazioni. Un imprenditore è tale perché ha delle relazioni sia con il mondo esterno alla sua azienda, clienti, fornitori, partner,sia con quello interno, i collaboratori e i dipendenti. La comunicazione è come le ginocchia per il nostro corpo, tutto passa di là».

Cos’è la “buona comunicazione”?

«Le persone pensano di essere dei buoni comunicatori quando acquisiscono un linguaggio ben articolato e possono sfoderare un lessico erudito e raffinato. Quindi, confondono il comunicare con il parlare. Oppure, ancora, il comunicare con il convincere. La gente pensa di saper comunicare quando parla in modo forbito e di non saper comunicare quando non riesce a convincere gli altri».

Non è così?

«No, affatto. Il comunicare è creare relazione con l’altro, gettare un ponte tra le persone. Io posso usare belle parole ma se l’altro non mi capisce, non ho costruito nessun ponte, nessuna relazione. Anche la comunicazione intesa come persuasione in genere non crea relazione perché le persone sono diffidenti verso chi vuole convincerli: le persone ci tengono alle proprie idee».

Dunque: quali sono i principi alla base di una comunicazione riuscita?

«Fare molta attenzione a cosa genera il mio impatto comunicativo sull’altro. Le persone sono molto concentrate su ciò che devono dire più che sull’impatto che le loro comunicazioni suscitano sull’interlocutore. È invece importante stare molto attenti all’impatto della propria comunicazione. Perché, se si vede che una modalità non funziona, bisogna cambiare modalità. Concentrasi sull’altro è dunque fondamentale».

Cosa ostacola una buona comunicazione?

«Il tempo. Quando si ha un obiettivo di comunicazione si tende a dare importanza a ciò che si dice per arrivare al dunque, mentre per comunicare bene ci vuole tutto il tempo che serva a costruire la relazione. Uno accetta qualunque discorso da un mio amico, cioè da una persona di cui si fida. Mentre, ad esempio, si è molto refrattari a recepire i messaggi, anche magari corretti, di persone che non ci piacciono. La regola, dunque, è prima costruire una relazione con l’interlocutore,i contenuti passeranno più facilmente».

Perché comunicare meglio aiuta il business?

«Il business si crea attorno a una rete di relazioni. Più si comunica bene più si infittisce la rete delle proprie relazioni. I migliori commerciali del proprio business sono quelli che hanno un buon rapporto con noi e che parlano bene di noi».

C’è dunque un legame molto stretto tra comunicazione e successo. I temi dell’intervista saranno approfonditi nel laboratorio che si terrà sabato 19 dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 presso la sede della CNA di Asolo in via Enrico Fermi. Per informazioni e iscrizioni: asolo@cna.it

 

 


 

ULTIME NOTIZIE

CNA TERRITORIALE DI TREVISO

Viale della Repubblica 154
31100 Treviso
Tel: 0422.3155 - Fax: 0422.315666
Email: info@cnatreviso.it
CF 94004630268
Tutti i diritti riservati

Powered by Sixtema Spa

Design:
Paolo Terno - www.paoloterno.it